mar 11 2013

ANPIL del torrente Terzolle

Maria Assunta Campanile @ 17:15

 

L’ ANPIL (Area Naturale Protetta di Interesse Locale) del torrente Terzolle comprende quasi 2000 ettari, sviluppandosi nel contesto pedemontano di Monte Morello, fra i comuni di Firenze, Sesto Fiorentino e Vaglia.

L’ ANPIL del torrente Terzolle, di grande interesse naturalistico e storico, a “due passi” dal centro di Firenze, è ricca di sentieri di facile percorribilità, immersi nel verde di  boschi in cui spesso si incontrano le acque naturali della zona, ideali per passeggiate che aiutino a evadere dal caos urbano.

Per ottimizzare la peculiare ricchezza del territorio dal  punto di vista naturalistico, culturale, storico e paesaggistico, sono attivi un Comitato di Gestione e un Comitato Scientifico, con lo scopo di promuovere in forma coordinata la conservazione e la valorizzazione del patrimonio globale, nonché la promozione di attività economiche compatibili  con le caratteristiche dell’ambiente, di opportunità  ricreative, di iniziative di ricerca scientifica e di gestione faunistica dell’area protetta.

In questo contesto si inserisce la collaborazione con l’I.S.I.S. “Leonardo da Vinci” di Firenze realizzata con  l’apporto delle classi di Fotografia 1^,  2^  e 3^ dell’indirizzo di Grafica Multimediale e il contributo interdisciplinare degli insegnanti di Italiano e storia, Informatica e Fotografia  (Girolamo  Dell’Olio,  Maria Assunta Campanile,  Marco Ciomei).

L’attività degli studenti evidenzia – attraverso lo studio delle relazioni fra fenomeni, eventi, personaggi e tracce culturali – il legame del territorio con la città di Firenze, e si realizza attraverso la georeferenziazione dell’intera area con la taggatura (“etichettatura”) di informazioni rilevate sul campo dai partecipanti, espresse in modalità multimediale (vedi accanto le Pagine correlate → → ).

Preziose si sono rivelate a questo scopo le collaborazioni di Giovanni Zanobini, coordinatore del Comitato Scientifico dell’ANPIL, e Massimo Fabbri, esperto di comunicazione multimediale.

Commenti chiusi.