gen 19 2010

Sintesi Proteica

Category: Biologia,video Biologiagiuliano_fantechi @ 18:25
Immagine anteprima YouTube

Un video interessante per capire la sintesi proteica


dic 15 2009

L’acqua un bene prezioso

Category: Idrosferagiuliano_fantechi @ 16:53

La formula chimica di una molecola d’acqua è H2O: due atomi di idrogeno (H2) legati ad un mappamondoatomo di ossigeno (O). I legami che si formano sono forze che si instaurano fra gli elettroni (particelle cariche negativamente) degli atomi. L’ossigeno è capace di tenerli più vicino a sé rispetto all’idrogeno e la molecola d’acqua risulta carica negativamente in corrispondenza dell’atomo di ossigeno e positivamente in corrispondenza dell’ idrogeno. Poiché due cariche opposte si attraggono, le molecole d’acqua tendono ad unirsi tra loro come calamite.

L’acqua scioglie tante sostanze
L’acqua viene definita il
solvente universale perché è in grado di sciogliere un numero di sostanze superiore a quello di qualsiasi altro liquido. Per noi è una bella fortuna: se così non fosse, non potremmo bere una tazza di the caldo zuccherato perché lo zucchero rimarrebbe sul fondo della tazza. Per questo motivo l’acqua dei fiumi, dei ruscelli, dei laghi, del mare e degli oceani, che a prima vista può sembrare pura, in realtà contiene disciolti numerosissimi elementi e minerali liberati dalle rocce o provenienti dall’atmosfera. Ovunque essa scorra, sulla superficie terrestre, sotto terra o dentro il nostro corpo, l’acqua scioglie e trascina con sé un numero elevatissimo di sostanze. L’acqua svolge così una funzione essenziale: quella di trasportare, anche per lunghi percorsi, le sostanze che incontra durante il suo ciclo.
L’acqua pura, come l’acqua distillata, ha un
pH pari a 7 (neutro). L’acqua di mare è sensibilmente basica, con pH intorno a 8. La maggior parte delle acque dolci hanno un pH che varia da 6 a 8, tranne ovviamente le piogge acide che presentano un pH inferiore a 7.

L’acqua ha un elevato calore specifico, ossia richiede molto calore prima di riscaldarsi, e, al contrario, impiega molto tempo prima di perdere il calore accumulato e raffreddarsi. Ecco perché viene impiegata nei sistemi di refrigerazione (ad esempio nel radiatore delle autovetture, o nei sistemi di raffreddamento degli impianti nelle industrie). Ed è per questa sua caratteristica che nelle regioni costiere (o lacustri) la temperatura dell’aria è più mite: in queste zone, al variare delle stagioni, la temperatura dell’acqua, diminuendo o aumentando meno velocemente di quella dell’aria, ‘mitiga’ la temperatura dell’aria sovrastante.
L’acqua ha un’elevata
tensione superficiale: ossia, una volta versata su una superficie liscia, essa tende a formare gocce sferiche e non ad espandersi in una sottile pellicola. Senza la forza di gravità, una goccia d’acqua assumerebbe una forma sferica perfetta. La tensione superficiale consente alle piante di assorbire, attraverso le radici, l’acqua presente nel suolo. Sempre grazie alla tensione superficiale il sangue, composto in gran parte da molecole dell’acqua, riesce a scorrere, attraverso il sistema sanguigno, all’interno del nostro corpo.

Solo acqua liquida?
L’acqua, inoltre, si presenta normalmente allo stato liquido, ma può facilmente passare anche allo stato solido o allo stato gassoso.
L’acqua pura passa dallo stato liquido a quello solido, ossia gela, a 0°C. A livello del mare, invece, bolle a 100°C (più si sale in quota, minore è la temperatura alla quale l’acqua inizia a bollire).

ico)
I punti di ebollizione e di congelamento dell’acqua sono usati come riferimento per tarare i termometri: nella scala centigrada, lo 0° sulla scala dei centigradi corrisponde al punto di congelamento e i 100° al punto di ebollizione. L’acqua, quando gela, si dilata, ossia riduce la sua densità a parità di volume: questo è il motivo per cui il ghiaccio galleggia sull’acqua o una bottiglia piena d’acqua messa in freezer si spacca.
L’acqua è una risorsa naturale particolare in quanto è l’unica, sul nostro pianeta, che si presenta in tutti e tre gli stati fisici a seconda della temperatura circostante: liquido, solido (ghiaccio) e gassoso (vapore acqueo).
L’insieme dei processi che consentono all’acqua di lasciare gli oceani, immettersi nell’atmosfera, raggiungere le terre emerse, per poi ritornare agli oceani, va sotto il nome di ciclo dell’acqua ed è alimentato dall’energia del Sole.

Negli oceani l’acqua si trova allo stato liquido. Il riscaldamento solare, però, provoca l’evaporazione di una porzione dell’acqua superficiale che, trasformandosi in vapore, entra nell’atmosfera e viene trasportata dai venti. Quando una massa d’aria già ricca di vapore acqueo ne riceve ancora e si satura, o quando incontra un’altra massa d’aria più fredda, si ha il fenomeno dellacondensazione del vapore acqueo nell’atmosfera, ovvero il vapore si ritrasforma in acqua (o neve e ghiaccio a seconda delle condizioni di freddo). Così si originano le precipitazioni, grazie alle quali l’acqua, allo stato liquido o solido (pioggia, neve o grandine), raggiunge in parte i continenti e in parte ritorna direttamente agli oceani. L’acqua di precipitazione che cade sulle terre emerse deve ancora percorrere una strada lunga e spesso tortuosa prima di tornare nuovamente agli oceani e chiudere il ciclo. Una certa quantità di acqua penetra nel suolo per infiltrazione e in parte rimane nel suolo, in parte va ad alimentare le falde freatiche (deflusso profondo), per poi riaffiorare nei fiumi o nelle sorgenti.
L’acqua rimasta nel suolo in parte evapora direttamente nell’atmosfera, in parte viene assorbita dalle radici delle piante e trasportata fino alle foglie per essere poi liberata nuovamente nell’atmosfera mediante la
traspirazione. A questi due processi si attribuisce complessivamente il nome di evapotraspirazione.
Infine, una certa quantità dell’acqua di precipitazione rimane sulla superficie terrestre e dà origine ai laghi e ai fiumi, attraverso i quali torna direttamente ai mari e agli oceani (deflusso superficiale). (
Vedi immagine)

Quanta acqua in movimento!
Le quantità di acqua che si muovono lungo il ciclo possono essere stimate e valutate anche in termini numerici. Lo strumento utilizzato è il
bilancio idrologico globale della Terra. La quantità totale di acqua che evapora dalla superficie degli oceani è superiore a quella che vi giunge direttamente tramite le precipitazioni. La differenza rappresenta parte della quantità d’acqua che precipita sul suolo nei diversi continenti. La quantità d’acqua totale che precipita sui continenti è infatti formata anche da quella che è evaporata non dai mari e dagli oceani, ma direttamente dal suolo.
Il bilancio idrologico globale varia in funzione delle condizioni climatiche – in particolare, dell’entità delle precipitazioni – ed ha quindi caratteristiche differenti nelle diverse zone del nostro pianeta. Ad esempio, se consideriamo il clima equatoriale, osserviamo che non si registrano mai deficit durante l’anno: l’acqua disponibile è sempre abbondante perché le precipitazioni sono tali da coprire eventuali perdite. Viceversa, nel clima dei deserti caldi, le elevate temperature favoriscono l’evapotraspirazione che le scarse precipitazioni non riescono a bilanciare: in questo caso si registrano ampi deficit durante tutto l’anno e la disponibilità di acqua è molto bassa. Le differenze osservate tra i bilanci idrologici che caratterizzano questi due tipi climatici hanno un riscontro immediato sulla popolazione vegetale ed animale, la cui sopravvivenza è strettamente legata alla quantità di acqua disponibile ed utilizzabile.

Ciò che contraddistingue la Terra dagli altri pianeti è la presenza dei mari e degli oceani. Le immagini inviate dai satelliti mostrano la Terra come un pianeta “azzurro” poiché ricoperto per due terzi della sua superficie da gigantesche masse d’acqua. (Vedi immagine)
L’insieme di tutti gli ambienti terrestri dove si trova l’acqua, in fase liquida, solida e gassosa, è definito con il termine idrosfera.
La maggior parte dell’acqua si trova negli oceani, nelle acque sotterranee e in forma solida di ghiaccio nelle calotte polari. L’acqua presente nell’atmosfera, sotto forma di vapore acqueo, costituisce invece solo una minima parte della quantità totale. Ma questa piccola parte è la più importante ai fini del mantenimento del clima e del rifornimento delle falde sotterranee.
In generale, l’idrosfera può essere divisa in due ambienti differenti: i
bacini d’acqua salata (mari e oceani) e quelli di acqua dolce. La principale caratteristica che differenzia i bacini d’acqua salata da quelli d’acqua dolce è il loro elevato contenuto salino (o salinità), in media pari a 35 grammi in un litro. I bacini di acqua dolce (o acque continentali) si suddividono in acque superficiali (fiumi, laghi, lagune, paludi) e in acque sotterranee (falde profonde, falde superficiali e sorgenti). Nella sezione grafici, puoi esplorare i laghi del mondo.

Le principali caratteristiche delle acque marine sono:
la salinità: è formata dal contenuto totale dei sali presenti in 1000 grammi di acqua marina e ha un valore di circa 35 grammi. La percentuale delle varie sostanze presenti in soluzione dipendono dall’apporto dei fiumi, dalle reazioni chimiche che avvengono nei sedimenti marini, dall’attività vulcanica e dalla decomposizione degli organismi. Infatti la quantità dei sali è stabile solo ad una certa profondità, mentre in superficie e nelle zone costiere subisce variazioni anche stagionali;
i gas disciolti: ossigeno e anidride carbonica sono necessari per la vita degli organismi nelle acque. L’ossigeno è presente in quantità elevata in superficie perché l’acqua è in contatto con l’atmosfera e dove vivono gli sedimenti marini, in profondità perché la temperatura dell’acqua è bassa. L’anidride carbonica è un gas molto solubile che facilmente diffonde dall’atmosfera all’acqua marina, trasportata nell’acqua dei fiumi fino al mare e derivare dalla materia organica in stato di decomposizione;
la temperatura: oltre ad avere un’importante azione mitigatrice sul clima delle regione costiere, influenza le caratteristiche chimiche e fisiche responsabili degli spostamenti verticali  delle masse d’acqua. Nello strato più superficiale (50-200 metri) la temperatura è simile a quella superficiale; nello strato termoclino (200-1000 metri) la temperatura diminuisce rapidamente; negli strati profondi continua a diminuire ma molto lentamente. Il termoclino è una superficie importante per la diffusione degli organismi negli oceani e rappresenta un ostacolo per molti animali, piante e alghe tropicali che necessitano di temperature di 15 – 20°C;
la luminosità: dipende dalla capacità della luce di propagarsi nell’acqua e riesce a illuminare solo la parte superficiale anche se l’acqua è limpida. Questa zona viene chiamata zona fotica (0-200 metri di profondità), dove si concentra la maggior parte della vita marina e del fitoplancton.

Appunti tratti dal sito www.eniscuola.it

Tag:


nov 30 2009

Cellula vegetale

Category: Cellula,video Biologiagiuliano_fantechi @ 19:02
Immagine anteprima YouTube

Tag: ,


nov 20 2009

Cellula animale

Category: Cellula,video Biologiagiuliano_fantechi @ 18:58
Immagine anteprima YouTube

Tag:


nov 11 2009

Aiuto

Category: Senza categoriagiuliano_fantechi @ 16:25

Aiuto


ott 05 2009

Nascere su questa terra è un incarico sacro

Category: Aforismi,Lavori personali allievi,Saggezza indianagiuliano_fantechi @ 09:56

watch?v=JHYZKx_TSME]Immagine anteprima YouTube
Video realizzato da Miki Lombardi della 1 C IIS Leonardo da Vinci Firenze Ottobre 2009

Tag:


ott 02 2009

Gaia:Madre Terra

Category: Pianeta terra,Scienze della Terra,Video Pianeta Terragiuliano_fantechi @ 18:49
Immagine anteprima YouTube

Tag:


set 28 2009

Com'è nata la vita sulla terra?

Category: Biologia,Cellulagiuliano_fantechi @ 08:08

La nascita della vita sul pianeta terra rimane il mistero più affascinante.

Immagine anteprima YouTube

Tag:


set 26 2009

Saggezza indiana

Category: Aforismi,Saggezza indianagiuliano_fantechi @ 14:17

villaggio

Il popolo indiano, “un popolo di selvaggi” forse ha qualcosa da insegnare a noi “bianchi civilizzati”.

In questo post sono riportate alcune frasi pronunciate da capi indiani.

Insegna ai tuoi figli che LA TERRA E’ NOSTRA MADRE. TUTTO CIO’ CHE ACCADE ALLA TERRA, ACCADRA’ AI FIGLI DELLA TERRA.Se gli uomini sputano in terra, sputano su se stessi. Questo noi sappiamo: LA TERRA NON APPARTIENE ALL’UOMO, MA E’ L’UOMO CHE APPARTIENE ALLA TERRA

Non e’ stato l’uomo a tessere la trama della vita, egli e’ solamente un filo. Quello che fa alla trama, lo fa a se stesso.

“Ogni palmo di questa terra è sacro per la mia gente.  Ogni collina, ogni valle, ogni pianura e insenatura è stata resa sacra da eventi tristi o felici, persi nella notte dei tempi.  Perfino le rocce, che sembrano ottuse e morte nel loro ergersi sotto il sole, lungo la spiaggia silenziosa, sono animate dai ricordi di eventi emozionanti, collegati alla vita del mio popolo.  La sabbia stessa su cui stai poggiando i piedi risponde più amorevolmente ai nostri passi che ai tuoi, perché è arricchita dal sangue dei nostri antenati e i nostri piedi nudi sono consapevoli del suo tocco affettuoso.”

“Che cos’è un uomo senza gli animali selvatici?

Se tutti gli animali scomparissero, gli uomini morirebbero di profonda solitudine dello spirito, perché qualunque cosa accade agli animali, accade anche agli uomini. Tutte le cose sono collegate tra loro. Qualsiasi cosa accade alla terra, accade ai figli della terra.” .

” La vista delle vostre città ferisce gli occhi dell’uomo rosso, ma forse è perché l’uomo rosso è un selvaggio e non capisce.

Nelle città dell’uomo bianco non ci sono spazi tranquilli, non ci sono luoghi dove ascoltare le foglie della primavera o il frusciare delle ali di un insetto.  Forse perché io sono un selvaggio e non capisco, ma mi sembra solo che il rumore offenda le orecchie.

L’indiano preferisce il suono leggero del vento che soffia sulla superficie dell’acqua, il profumo del vento lavato dalla pioggia di mezzogiorno o carico

dell’aroma dei pini.  Per l’uomo rosso l’aria è preziosa, perché tutte le cose partecipano dello stesso respiro: gli animali, gli alberi, l’uomo.

L’uomo delle vostre città ha la stessa insensibilità al cattivo odore di un uomo che sta morendo da diversi giorni.

” Continua a contaminare il letto in cui dormi e una notte morirai soffocato dai tuoi stessi rifiuti.”

Sappiamo che l’uomo bianco non capisce le nostre usanze. Per lui un pezzo di terra è uguale all’altro, perché è uno straniero che viene da notte e prende dalla terra tutto quello che gli serve.  La terra non è suo fratello, ma il suo nemico e, quando l’ha conquistata, si sposta altrove.  Abbandona le tombe dei suoi padri e il diritto di nascita dei suoi figli è dimenticato.   Capo Seattle Suqwamish e Duwamish

Nascere uomo su questa terra è un incarico sacro.
Abbiamo una responsabilità sacra,
dovuta a questo dono eccezionale che ci è stato fatto,
ben al di sopra del dono meraviglioso
che è la vita delle piante, dei pesci, dei boschi,
degli uccelli e ditutt le creature che vivono sulla terra.
Noi siamo in grado di prenderci cura di loro.

SHENANDOAH, ONONDAGA

Quando l’ultimo albero sarà stato abbattuto,
l’ultimo fiume avvelenato,
l’ultimo pesce pescato,
vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.
La nostra terra vale più del vostro denaro.
E durerà per sempre.
Non verrà distrutta neppure dalle fiamme del fuoco.
Finchè il sole splenderà e l’acqua scorrerà,
darà vita a uomini e animali.
Non si può vendere la vita degli uomini e degli animali;
è stato il Grande Spirito a porre qui la terra
e non possiamo venderla
perchè non ci appartiene.
Potete contare il vostro denaro
e potete bruciarlo nel tempo in cui un bisonte piega la testa,
ma soltanto il Grande Spirito sa contare i granelli di sabbia
e i fili d’erba della nostra terra.
Come dono per voi vi diamo tutto quello che abbiamo
e che potete portare con voi,
ma la terra mai.
Piede di Corvo, Piedineri

Tag:


set 22 2009

Ho bisogno di te.

Category: Saggezza indianagiuliano_fantechi @ 11:23
Immagine anteprima YouTube
Vi propongo una bellissima preghiera Sioux:

O Grande Spirito,
la cui voce sento nei venti ed il cui respiro dà vita a tutto il mondo, ascoltami.
Vengo davanti a Te, uno dei tuoi tanti figli.
Sono piccolo e debole.
Ho bisogno della tua forza e della tua saggezza.
Lasciami camminare tra le cose belle e fà che i miei occhi ammirino il tramonto rosso e oro.
Fà che le mie mani rispettino ciò che Tu hai creato,
e le mie orecchie siano acute nell’udire la Tua voce.
Fammi saggio, così che io conosca le lezioni che hai nascosto in ogni foglia, in ogni roccia.
Cerco forza, non per essere superiore ai miei fratelli,
ma per essere abile a combattere il mio più grande nemico: me stesso.
Fà che io sia sempre pronto a venire da Te, con mani pulite ed occhi diritti,
così che quando la vita svanisce, come la luce al tramonto,
il mio spirito possa venire a te senza vergogna.

Preghiera di Yellow Lark, capo indiano Sioux


set 21 2009

L'acqua un bene prezioso.

Category: Video Pianeta Terragiuliano_fantechi @ 16:18

Dove c’è acqua c’è vita, un bene prezioso da tutelare.

Immagine anteprima YouTube

Tag: ,


set 18 2009

Proprietà dell'acqua

Category: Idrosfera,Scienze della Terragiuliano_fantechi @ 07:33
Immagine anteprima YouTube

L’acqua mi ha sempre affascinato per le sue proprietà cerchiamo di conoscerla.

Tag:


set 17 2009

Manifesto per i diritti della Terra.

Category: Saggezza indianagiuliano_fantechi @ 15:38

Immagine anteprima YouTube
INDIANI D’AMERICA – Questa lettera fu scritta dal capo dei Pellirossa Capriolo Zoppo nel 1854 al Presidente degli Stati Uniti Franklin …

Tag:


set 15 2009

SOS Pianeta Terra

Category: SOS Pianeta Terragiuliano_fantechi @ 17:50
Immagine anteprima YouTube

Il pianeta corre dei rischi se continuiamo a depredarlo delle risorse e a inquinarlo.

Tag:


set 14 2009

Effetto serra

Category: Pianeta terragiuliano_fantechi @ 12:01


In appena 250 anni noi uomini, ci siamo resi responsabili dell’inquinamento dell’atmosfera, dovuto all’uso sconsiderato e crescente di combustibili fossili, petrolio, carbone e gas, impiegati per produrre energia
Un fenomeno che dà vita all’aumento della temperatura, è l’effetto serra.
Esso è provocato dai raggi solari provenienti dal sole che attraversano con facilità l’atmosfera, e sono assorbite dalla terra, la quale ne riflette gran parte sotto forma di raggi infrarossi. Questi raggi rimangono intrappolati nell’atmosfera per effetto d’alcune sostanze come il metano, l’anidride carbonica, l’azoto, eccetera. Così facendo, provocano un innalzamento della temperatura terrestre: in questo modo l’anidride carbonica si comporta come una serra: fa passare la luce ma impedisce la fuoriuscita del calore.
Negli ultimi anni, questo fenomeno è andato progressivamente intensificandosi e, responsabile di questo, è la crescente concentrazione di anidride carbonica nell’ aria, dovuta al sempre più diffuso uso di combustibili fossili, agli incendi forestali sempre più frequenti e alla diminuita capacità di rimozione dall’aria di anidride carbonica da parte delle foreste.
Secondo i calcoli degli studiosi, le conseguenze a questo fenomeno porterebbero a:
incontrollabili mutamenti climatici: la temperatura potrebbe crescere di qualche grado nell’ arco di cento anni e così facendo provocherebbe seri danni alla produzione agricola e a tutti gli ecosistemi.
uno scioglimento dei ghiacciai e ci sarebbe una notevole diminuzione della consistenza delle calotte polari con conseguente innalzamento del livello dei mari.
Ad un cambiamento dello sviluppo della vegetazione e un cambiamento del comportamento della vita degli animali

L’unione di tutti gli stati del mondo non ha ancora trovato una soluzione per questo fenomeno così complesso. Tutto il Mondo è d’accordo sul fatto che ci sono due interventi che occorre fare immediatamente ovvero:
ridurre, a livello internazionale, le emissioni inquinanti
potenziare la superficie delle foreste

Tag:


set 14 2009

Che cosa è la vita?

Category: Biologia,Scienze della Terragiuliano_fantechi @ 08:28

Da secoli e secoli gli uomini provano a dare una risposta a questa domanda attraverso la filosofia, la religione, la poesia, l’arte e, naturalmente, anche la scienza.
Limitandosi strettamente al punto di vista degli scienziati, si può affermare che la vita di tutti gli esseri viventi, dai batteri all’uomo, è basata su una rete intricata di scambi di messaggi chimici.
Tutte le funzioni vitali, dalla respirazione alla riproduzione, dal metabolismo alla vista, e finanche la possibilità di captare odori e sapori, di provare dolore e piacere, di imparare ed emozionarsi sono l’effetto di una serie finemente regolata di reazioni chimiche.


giu 07 2009

Ciclo dell'acqua

Category: Idrosfera,Scienze della Terragiuliano_fantechi @ 06:41

Immagine anteprima YouTube
Un video interessante che spiega il ciclo dell’acqua

Tag:


apr 23 2009

La terra è nostra Madre

Category: Saggezza indianagiuliano_fantechi @ 15:35

Insegnate ai vostri bambini ciò che noi abbiamo insegnato ai nostri:
La terra è nostra Madre.

Capo indiano Seattle

prof

Tag:


mar 20 2009

Il miracolo della vita

Category: Fecondazionegiuliano_fantechi @ 19:04


La vita è un dono legato a un respiro
Dovrebbe ringraziare chi si sente vivo. R Zero


mar 20 2009

Glossario di genetica

Category: Biologiagiuliano_fantechi @ 19:02


ACIDI NUCLEICI:macromolecole presenti in ogni organismo vivente che comprendono il DNA e l’ RNA; sono costituiti da una sequenza formata da uno zucchero pentoso, una base azotata e un gruppo fosforico
ALLELE: membro di una coppia di geni (uno solo per ogni carattere).
AMINOACIDI:composti chimici organici la cui unione in catene di sequenze diverse costituisce le proteine. Negli organismi viventi ne esistono 20 tipi diversi specificati secondo il codice genetico da sequenze di tre nucleotidi.
AMNIOCENTESI:prelievo del liquido amniotico per esaminare le cellule dell’embrione. Si effettua verso il quarto mese di gravidanza.
ANTICORPI:proteine prodotte da cellule del sistema immunitario dei vertebrati. La loro funzione è di difendere l’organismo dalla presenza di sostanze estranee (antigeni).
APLOIDE:cellula con 23 cromosomi spaiati (uno per ogni coppia).
BATTERI: organismi unicellulari procarioti in grado di riprodursi molto rapidamente.
CARATTERE DOMINANTE:carattere che in un incrocio tra 2 linee pure si manifesta nella prima generazione filiale(F1).
CARATTERE RECESSIVO:carattere nascosto negli individui eterozigoti da quello dominante e che si manifesta soltanto nella seconda generazione filiale(F2).
CARIOTIPO: mappa dei cromosomi della cellula.
CELLULA: unità funzionale di tutti gli organismi viventi in grado di svolgere autonomamente tutte le principali funzioni vitali.
CELLULE SESSUALI (o GAMETI): cellule costituite da spermatozoi nell’uomo e da ovocellule nella donna aventi 23 cromosomi singoli.
CELLULE SOMATICHE: le cellule che formano il corpo umano.
CELLULE TOTILPOTENTI: cellule non ancora specializzate a svolgere una determinata funzione.
CLONE/CLONAGGIO/CLONARE:il clonaggio o la clonazione è la tecnica che consente di ottenere diverse coppie identiche, dette cloni, di una molecola, di una cellula o di un individuo.
CODICE GENETICO: metodo attraverso il quale si trasmettono le informazioni portate dai geni.
CROMOSOMI:filamenti presenti nel nucleo delle cellule. Sono costituiti ciascuno da una doppia elica di DNA e da proteine.
CROSSING-OVER: mutazione naturale che avviene quando due cromosomi omologhi si sovrappongono e si scambiano alcuni geni.
DIPLOIDE: cellula con 23 coppie di cromosomi.
DNA (acido desossiribonucleico): doppio filamento avvolto a spirale costituito da una sequenza di nucleotidi a loro volta costituiti da uno zucchero pentoso, una base azotata e un gruppo fosforico.
EMBRIONE: essere vivente nella fase iniziale di sviluppo prima della nascita(negli esseri umani la fase embrionale è nei primi tre mesi).
ENZIMA: macromolecola, per lo più proteica, che agisce accelerando una determinata reazione chimica.
ENZIMI DI RESTRIZIONE:molecole in grado di “tagliare” la molecola di DNA in corrispondenza di determinate sequenze.
EREDITA’ BIOLOGICA/GENETICA:trasmissione delle caratteristiche dai genitori ai figli . Questo processo viene realizzato grazie all’informazione codificata del DNA.
ETEROZIGOTE:organismo che possiede 2 alleli diversi per un determinato carattere.
FENOTIPO: aspetto esteriore ed insieme di caratteristiche osservabili di un organismo.
FETO: essere vivente nella fase successiva a quella embrionale prima della nascita (negli esseri umani questa fase inizia dal terzo mese ed arriva fino alla nascita).
FUSO MIOTICO: struttura che si forma nel citoplasma durante la mitosi facendo dividere equamente i 46 cromosomi della cellula.
GENI: caratteri ereditari che un individuo trasmette al proprio discendente localizzati sui cromosomi.
GENOMA/GENOTIPO: insieme delle sequenze di DNA specifiche di un organismo.
IMPRONTA GENETICA: risultato della mescolanza del DNA materno e paterno. E’ unico e da esso si puo’ risalire ai genitori di un individuo.
INGEGNERIA GENETICA: introduzione artificiale di cambiamenti ai geni in una determinata cellula
INSEMINAZIONE ARTIFICIALE: iniezione di seme nell’utero della donna per fecondarla.
MEIOSI: divisione cellulare che porta alla formazione di cellule aploidi: i gameti.
MITOSI: divisione cellulare che porta alla formazione di cellule diploidi
MUTAZIONE:modificazione del messaggio genetico che produce principalmente nella cellula cambiamenti.
NUCLEO: parte centrale di una cellula in cui sono contenuti i cromosomi.
NUCLEOTIDE: monomero costituente degli acidi nucleici formato da un gruppo fosforico, uno zucchero pentoso e da 1 delle 4 basi azotate.
OMOZIGOTE: organismo che possiede 2 alleli uguali per un determinato carattere.
ORMONI: proteine prodotte dall’organismo che svolgono la propria funzione in organi ed apparati diversi da quelli in cui sono stati prodotti.
PROTEINE: macromolecole costituite da sequenze dei 20 aminoacidi presenti in natura. Le proteine sono dei composti fondamentali per la cellula e svolgono funzioni strutturali, regolative ed enzimatiche.
RNA (acido ribonucleico):macromolecola il cui compito principale è di trascrivere e tradurre l’informazione contenuta nel DNA.
SPECIE: insieme di esseri viventi con caratteristiche proprie in grado di incrociarsi tra loro e di avere prole feconda.
TRIPLETTA: sequenza di tre basi azotate ad ognuna delle quali corrisponde un determinato aminoacido.


« Pagina precedentePagina successiva »