apr 28 2010

Un metodo di studio

Category: contributi allievimonica_santucci @ 21:10

METODO DI STUDIO DELLA MATEMATICA

-         comprendere e capire fino in fondo l’esercizio

-         non trascurare la teoria dei libri

-         non abbattersi se l’esercizio non si sa eseguire

-         non imparare formule o ragionamenti a memoria senza averli capiti

-         cercare di disegnare nella tua mente quello che studierai

Salve a tutti, ci sono modi e modi di studiare ma soprattutto comprendere la matematica, c’è a chi piace e a chi non piace e credo fermamente che questo dipenda da chi ci riesce e chi no. Alcuni pensano che la matematica sia la materia più difficile da apprendere bene, anche perchè al contrario di qualunque altra materia,la matematica non si può semplicemente studiare o nel peggiore dei casi imparare a memoria, la matematica va compresa e capita fino in fondo. Altri dicono che il miglior metodo di studio per capire la matematica sia innanzitutto studiare la teoria (sembra semplice, ma molti ragazzi non lo fanno, si limitano a studiare le cose che magari fanno in classe i professori e il libro alla parte di teoria spesso neppure lo aprono) e poi dopo essere sicuri di aver capito la teoria, ci si deve mettere a fare molti esercizi, più se ne fanno e meglio si apprenderà. Inoltre non bisogna rassegnarsi se un esercizio non torna e quindi chiudere tutto e dire “tanto non mi riesce”. Si deve provare fino a che non lo eseguiamo al massimo, e se proprio non si è in grado, chiedere aiuto al professore, ma solo dopo aver provato almeno una decina di volte a farlo da soli! Non imparare mai a memoria nessuna formula o ragionamento senza comprenderli (il contrario invece accadrà spesso). é una questione di pazienza e, se vuoi, di immaginazione: cerca sempre di “disegnare” nella tua mente quello che studierai.

Simone Frascaro     3°  A otr a.s.2008-2009


apr 28 2010

Il Nobel della matematica

Category: Curiositàmonica_santucci @ 20:53

Medaglia Fields


apr 18 2010

Zero

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:50

Il numero zero

Lo  zero è il numero che precede uno e gli altri numeri positivi e che segue i numeri  negativi.

L’uso dello zero come numero è relativamente recente e si deve ai matematici indiani(628),

precedentemente era usato solo come segnaposto.

Gli arabi appresero dagli indiani il sistema di numerazione posizionale decimale e lo

trasmisero agli europei durante il medioevo ad opera di Leonardo Fibonacci con il suo Liber Abaci (1202)

images “ Le nove cifre degli indiani sono queste: 9,8,7,6,5,4,3,2,1.

Con queste nove cifre e  con il simbolo 0,che in arabo si chiama zephir,

si può scrivere qualsiasi numero,come si vedrà più avanti.”

              (Inizio del primo capitolo del Liber Abaci)

Se n è un qualsiasi numero reale, valgono le seguenti regole:

n+0=0+n                     nell’addizione lo 0 è l’elemento neutro.

n∙0=0∙n                       nella moltiplicazione lo 0 è l’elemento assorbente.

0/n=0                          se n è diverso da zero.

n/0                                è una espressione priva di significato o impossibile.

0/0                               è una espressione indeterminata.

n0 =1                           tranne che per n=0 per cui è una espressione indeterminata.

Poesia di Trilussa


Nummeri
- Conterò poco, è vero:
- diceva l’Uno ar Zero -
ma tu che vali? Gnente: propio gnente.
Sia ne l’azzione come ner pensiero
rimani un coso voto e inconcrudente.
lo, invece, se me metto a capofila
de cinque zeri tale e quale a te,
lo sai quanto divento? Centomila.
È questione de nummeri. A un dipresso
è quello che succede ar dittatore
che cresce de potenza e de valore
più so’ li zeri che je vanno appresso

Numeri
-Conterò poco, è vero -
diceva l’uno allo zero -
ma tu che vali? Niente, proprio niente.
Sia nell’azione che nel pensiero
resti una cosa vuota e inconcludente.
Io, invece, se mi metto a capofila
di cinque zeri uguali a te,
sai quanto divento? Centomila.
È questione di numeri. Più o meno
è quanto succede a un dittatore
che cresce di potenza e di valore
più sono gli zeri che lo seguono



apr 18 2010

1

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:49

IL  NUMERO UNO

Per Pitagora( 575 a.C.), l’uno è presente in tutti i numeri (e in tutte le cose).

Ogni numero è uno, nel senso che è unico e non confondibile con gli altri.

Il numero uno  pertanto designa una proprietà fondamentale di                                       CANYY1AFCA4E90RRCAKRPP6JCATNZFDICAD1RQFUCAQVD24ICASE9NH8CAE1VN4WCAZ347IECABZ0MUJCA6B312VCAWHZ3ERCAT3KFXGCA8F60L5CA6AJZ1HCARM22VRCAY2LAADCAILID07CAXWSIUB

ogni cosa: l’identità con se stessa.


apr 18 2010

2

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:48

IL NUMERO DUE

Il numero due è il primo numero primo

ed anche l’unico ad essere pari.                                             CAB9ZTKYCAM5TTJ7CA5K9KIUCALWS0XNCAEKMJXKCAJ6BTFMCA0503VKCA7EBDBRCAO2R873CA4YWYKYCARWG2KECA2SAF0VCAEIZ0YLCA1I13PQCAJN249PCAGC9E4HCAZ9ZOL1CANTC6P1CAEZTJ21


apr 18 2010

3

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:47

IL NUMERO TRE

Il tre per i cristiani

Se Dio non fosse che uno non sarebbe mai né creatura né padre;

se fosse due vi sarebbe antagonismo o divisione nell’infinito,e sarebbe la ripetizione o la morte di ogni cosa possibile:

è dunque trino per creare  egli stesso e a sua immagine la moltitudine degli esseri e dei numeri.

CAHP858HCAE99YGRCACXIPIBCAWAMV2OCAY5SS1QCAUNYAFLCAI0UUMCCAKHF812CA05XYMECAW6US2VCA3GXX9ICAJXJ3MJCAN5O4J2CA668O17CA6FAPODCA0G9L4XCA0FA66DCAW5RCHQCAU71DOY Così è realmente uno di per se stesso e trino nella nostra concezione…

(Eliphas Levi)


apr 18 2010

4

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:46

IL NUMERO QUATTRO

Il quattro degli indiani CALS1IX1CABT9FS2CA65OA4TCALBMNUDCAO29ZUACA50H2FZCADWTHEDCALQUVYCCAC1FEXSCAYJV9IGCAZRU3Q7CA75NY7XCAAOLXETCA0KXEL1CAD5CGMPCAQAVD15CA38NY1QCAYKYVDFCA5DQQK8

Nella Tenda Rossa del Consiglio,al centro dell’accampamento,

i vecchi Sioux amavan trascorrere le lunghe sere d’estate filosofando sul principio delle cose.

Due elementi sacri spiegano tutto:il numero Quattro ed il Cerchio.

Quattro cerchi sovrastano il mondo:il Cielo,le Stelle,il Sole e la Luna.

In quattro direzioni corrono i venti:Ovest,Est,Nord,Sud.

Di quattro battiti è il ritmo del tempo:il Giorno,la Notte,il Mese lunare e l’Anno.

In quattro stagioni si compie la vita dell’uomo:Infanzia,Pubertà,Maturità e Vecchiaia.

Sul mondo regnano quattro famiglie di dèi legati in un cerchio infinito.

Il Grande Mistero, Wakan  Tanka,comprende in sé ogni parte dell’Universo:

“molti-in-uno”, in lingua siuox “da-ko-ta”.


apr 18 2010

5

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:45

IL NUMERO CINQUE

CA41XI3XCA3YM74PCAUUAYX2CAUVLEZTCAB6HKJ9CA7ADL78CAR916B9CA24ULO0CA2BMJNRCAMTH712CAG42M5RCATBHYXCCANI6LXGCA7YKJ08CALLGH1RCAFXIDQYCANJ3IHTCAC5OQZDCAOMT36L

Le figure cosmiche ovvero i cinque poliedri regolari furono costruiti da Pitagora. Le figure sono dette

cosmiche perché secondo la filosofia del tempo, la natura è costituita da piccolissime particelle:

tetraedri per il fuoco, ottaedri per l’aria, icosaedri per l’acqua e cubi per la terra. Il dodecaedro era il

modello dell’universo.

Può sembrare strano, ma non del tutto,  per esempio i cristalli di clorato di sodio assumono

la forma di tetraedri  mentre quelli di allume di cromo assumono la forma di ottaedro.


apr 18 2010

6

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:44

IL NUMERO SEI

CANO6SA5CAP3FIXPCAZKVBUMCARWU5OGCAYVE6CVCADYWVGVCA0RROK1CAUZFOSRCABXM4LQCAEINBKGCA7QHBUACAP31ZYBCA5FH7T7CAFL8Q2PCA0P6B4ACAA0T0R8CAPRU60UCA7H3J3YCAZPRL7PIl numero 666 è spesso considerato malefico ed alcuni numerologi si ingegnano per trovare varie

combinazioni che lo facciano comparire, è un gioco divertente, ma è assurdo attribuirvi importanza.

Lo stesso lo potremmo fare con qualsiasi altro numero!


apr 18 2010

7

Category: I primi diecimonica_santucci @ 12:42

IL NUMERO SETTE

sq_7[1] Le “7-sette” curiosità

I colori dell’arcobaleno, le note musicali, i giorni della settimana.

I centri energetici dell’organismo umano, le stelle dell’Orsa Maggiore, gli aromi base che

compongono i profumi, le meraviglie del mondo antico.

I cieli del sistema Tolemaico, le figlie del titano Atlante.

Le fanciulle ed i fanciulli offerti al Minotauro.

I sapienti dell’antica Grecia, la danza dei sette veli di Salomè, le opere di misericordia.

I dolori di Maria, le piaghe d’Egitto, le invocazioni del Pater Noster.

I pezzi che compongono il Tangram, gli anni di disgrazia se rompiamo uno specchio.

Gli stivali delle sette leghe, i nani di Biancaneve.

Avere sette vite come i gatti, essere al settimo cielo, sudare sette camicie, il 7 Bello.

Ve ne sono ancora molte altre, a voi la ricerca!


Pagina successiva »